Ma quale turismo vogliamo per Lipari?

 Ora che la stagione estiva volge al termine è necessario fare qualche riflessione sul tipo di turismo che ospitiamo e chiederci che cosa è possibile fare nella prospettiva della nuova stagione. Diciamo subito che quella di quest’anno non è stata una buona stagione e probabilmente non solo per la crisi generale che certamente ha influito. Soprattutto  queste due settimane di agosto hanno messo in risalto che è la qualità del turismo – domanda ed offerta – che va discussa. E questo soprattutto nell’isola di Lipari. Le altre in qualche modo si sono ritagliate una loro nicchia ed a parte Vulcano che aveva tentato, al di là dei fanghi e del termalismo, di darsi un tocco di mondanità che è svaporata, hanno mantenuto il loro target.

Lipari no. Lipari non capisce quale modello di turismo perseguire ed appare confusa fra l’offerta di un turismo di qualità che l’apertura di alcuni buoni alberghi, ristoranti, boutique lascerebbe sperare e invece l’affermarsi sempre più, soprattutto nelle settimane di agosto, di un turismo di ragazzini e di ragazzine che amano il chiasso e la confusione, che alla buona tavola ed ad un buon bicchiere di vino preferiscono pizza, arancini e fiumi di birra, che cominciano a vivere quando fa buio e vanno a dormire quando fa giorno, che la notte – soprattutto fra le 3 del mattino e le sette – imperversano per le strade ed i vicoli cittadini, urlando, imprecando, litigando, orinando, sfasciando quello che trovano a portata di mano, che gran parte della notte la passano in una balera o in un bar del corso o di Marina corta che offrono assieme a beveraggi vari, musica fuori controllo con altoparlanti che sputano innanzitutto chiasso assordante. Questo tipo di turismo non solo alimenta un mercato molto povero ma, al di là della sua stessa consistenza, pregiudica seriamente l’affermarsi di un turismo di qualità. E quando parlo di qualità non intendo solo un turismo dovizioso che spende ma ricco di interessi, attento alla cultura ed alla storia di cui le nostre isole e Lipari in particolare sono ricche. Il turismo che invece va affermandosi è nemico dei musei, dei parchi, del trekking, degli incontri ed eventi culturali, delle mostre.

La prima scelta che mi sembra sia necessaria ed impellente per Lipari riguarda proprio la scelta del tipo di turismo avendo il coraggio di limitare combattendolo nei risvolti perversi il turismo d’accatto. Sento dire di alberghi che sono allo stremo e rischiano di chiudere: sarebbe un peccato. E’ vero che lo sforzo fatto con i patti territoriali è stato monco perché non accompagnato da servizi appropriati a cominciare dalle fognature e dalla depurazione delle acque reflue, dalla portualità essenziale ( diga foranea di Sottomonastero), dalla promozione di nuovi centri di interessi e di nuovi eventi. Non mi pare che l’aver finalmente ultimato l’Auditorium abbia portato ad un programma di concerti di livello come il richiamo di Giuseppe Sinopoli faceva ben sperare. Piuttosto ha dato vita ad un tentativo confuso tipico del nostro provicncialismo di soppiantare l’Auditorium con un Museo del Cinema che sarebbe un centro di interesse notevole ma in una sede più appropriata.

Certamente non si può attribuire a questa amministrazione la stagione disastrosa che abbiamo di fronte. Purtroppo è giunta a cose fatte ed ha cercato di salvare il salvabile spesso rattoppando invece di creare cose nuove. Alcuni timidi tentativi vanno nella giusta direzione: l’isola pedonale con i servizi navetta, la videosorveglianza del centro storico e dei vicoli (purtroppo ancora stand-by per ragioni amministrative e tecniche), il proposito di moderare l’arrogante rincorrersi degli altoparlanti, la  volontà di riprendere a promuovere contenitori-evento di qualità, ecc.

Proponiamo però che prima della fine di settembre si convochi un’assemblea del turismo che chiami a raccolta tutti gli operatori e che si faccia un’analisi coraggiosa e approfondita della situazione.  Il turismo rimane ancora una delle grandi risorse delle isole ma occorre lungimiranza e professionalità. Ed occorre la forza non solo di fare scelte in positivo ma anche di dire dei no molto decisi.

 

Annunci

Una risposta a “Ma quale turismo vogliamo per Lipari?

  1. Ho l’impressione che questa amministrazione è ferma e non sa dove andare, mentre noi stiamo sprofondando, l’economia delle nostre famiglie è all’osso e molti casi drammatica, qui urge una iniziativa popolare, che raccolga i tantissimi disagiati. Penso che Lei dott. Giacomantonio potrebbe mettere su una forza, magari formando un comitato per l’emergenza lavoro, in modo da poter dare una frustata ai nostri politici.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...